Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

Ricky Gianco

Biografia di Ricky Gianco

• (Riccardo Sanna) Lodi 18 febbraio 1943. Cantante. Autore. Pioniere del rock ‘n’ roll italiano. Tra i fondatori del Clan di Celentano nel 1961 (lo lascerà poi nel 1963). Fondò anche una casa discografica, la Intingo nel 1973. Chiusa nel 1978. Tra i suoi successi Pugni chiusi (scritta con Gianni Dall’Aglio, l’ex batterista dei Ribelli, il gruppo che poi lo incise), Sei rimasta sola, Il vento dell’Est, Pietre.
• «Avevo sedici anni, frequentavo ragioneria, quando il musicista Gian Franco Reverberi mi portò in Ricordi. Mi ritrovai in scuderia con Bindi, Gaber e Paoli». «Scovò Stand by me e la trasformò prontamente in Pregherò per Celentano» (Paola Zanuttini).
• Fece causa a Claudio Baglioni sostenendo che Questo piccolo grande amore era copiata dalla sua È impossibile (dopo 12 anni di percorso giudiziario, spiegò che preferiva lasciar perdere, con un laconico «la famiglia non vuole»). Nel 2007 fu a teatro con Massimo Carlotto in La terra è mia e nel film (come compositore delle musiche, e attore) Un normale giorno di violenza, girato nel 69 durante gli scontri in via Larga nei quali morì l’agente Annarumma. Nel 2008 ha presentato con Alberto Tonti su Radio 24 Tuttifrutti. Ultimi album: Di santa ragione del 2009, in occasione del cinquantesimo anniversario di carriera e Come un bambino del 2010.
• «Qualcuno ha detto che Gianco sta alla musica come Andreotti alla politica: non so se prenderlo come un complimento, certo è un paragone che ha il suo peso: Andreotti è un nemico, ma almeno ha la testa».