Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 11 Lunedì calendario

• Maddaloni (Caserta) 12 novembre 1992. Giocatore di basket. Dell’Olimpia Milano, squadra con la quale ha vinto il campionato nel 2014, e della Nazionale italiana. Figlio di Ferdinando (vedi scheda) e fratello minore di Stefano, anch’egli cestista in quel di Cantù. Cresciuto nelle giovanili della Virtus Bologna e poi della Benetton Treviso, con cui ha esordito nella massima serie nel 2009. Dal 2011 a Milano, dove è diventato il capitano più giovane della storia del club. Al Draft Nba 2014 è stato 53ª scelta assoluta selezionato al secondo giro dai Minnesota Timberwolves , che hanno successivamente ceduto i diritti agli Houston Rockets in cambio di 1,5 milioni di dollari.
• Giornata tipo: «Mi sveglio ad un’ora che cambia di giorno in giorno, dipende se c’è o no allenamento al mattino. Pranzo, poi allenamento e ritorno a casa. Televisione, i miei programmi preferiti sono quelli di cucina, oppure cena fuori o a bere qualcosa con gli amici» (da un’intervista a Stefano Olivari) [Am 5/7/2014].
Al fratello Stefano, con il quale gli piacerebbe giocare, ruberebbe: «ruberei gli occhi azzurri, non ho dubbi» (a Nicola Apicella) [Rep 14/11/2013].
• Pur non essendo un grande appassionato di calcio, simpatizza per il Napoli.
Tantissimi poster nella sua cameretta da bambino: «Quelli a cui ero più affezionato erano Kobe Bryant e un LeBron James a grandezza naturale». Il suo primo idolo è stato però Dejan Bodiroga.