Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

GARIBOLDI Rosanna Zerbolò (Pavia) 22 gennaio 1945. Ex assessore all’Organizzazione della Provincia di Pavia (2006-2009). Arrestata il 20 ottobre 2009 in quanto intestataria di un conto cifrato a Montecarlo in cui dal 2001 al 2008 ricevette ingenti somme da conti riconducibili all’imprenditore Giuseppe Grossi (vedi GROSSI Giuseppe). Il 12 gennaio 2010 ha patteggiato due anni di reclusione con sospensione della pena, è uscita di carcere e ha pagato 1,2 milioni di euro, frutto del riciclaggio di cui era accusata • «Fino al 2006 Rosanna Gariboldi, ex impiegata al Policlinico San Matteo, era stata semplicemente la moglie di Giancarlo Abelli, ex assessore regionale di Forza Italia, dominus incontrastato della politica pavese (...) vicecoordinatore nazionale del Pdl. Poi, al momento di nominare la giunta dell’amministrazione provinciale era uscito il nome della Gariboldi – che non era stata nemmeno candidata’ come un coniglio dal cilindro. A lei era stato affidato l’assessorato al Personale, non certo una poltrona di grande appeal, ma tutti avevano letto quella nomina come l’ennesimo tributo a Giancarlo Abelli (...) Per anni lei è sempre stata un passo dietro il marito, sposato in seconde nozze dopo essere rimasta vedova. Era l’organizzatrice di tutte le campagne elettorali, teneva l’agenda, metteva in piedi le cene, i congressi. Zero o quasi mondanità: sono stati così anche i suoi tre anni da assessore (...) durante i quali si è distinta per aver introdotto i tornelli negli uffici e tagli alle spese, tra cui le mazzette dei giornali. (...)» (Claudio Del Frate, ”Corriere della Sera” 21/10/2009).