Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Bergamo 12 novembre 1928. Medico. Perito chimico. Dottore in Medicina. Libero docente in Chemioterapia e Farmacologia. Direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano (da lui fondato nel 1963). Autore di molte centinaia di lavori scientifici pubblicati in riviste nazionali e internazionali e di numerosi volumi nel campo della Farmacologia.
• «Un missionario laico, consacratosi alla scienza. Allergico agli onori (e ne ha riscossi tanti), non è mai sceso a compromessi, mai ha tradito la fede nella medicina, mai è venuto meno alla sua coscienza e ai suoi principi. L’Italia gli deve molto e Stoccolma gli dovrebbe qualcosa» (Roberto Gervaso).
• Nel 2009 ha spiegato che «l’uso della cocaina (che crea un’alterazione nella percezione del rischio) da parte di operatori del mondo della finanza può aver avuto un ruolo nel dispiegarsi della crisi» (Guido Gentili) [S24, 10/11/2009].
• Nel 2014 l’Università Statale di Milano gli conferisce la laurea honoris causa in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche.
• «Il 50% dei farmaci in circolazione è inutile e potrebbe essere eliminato senza problemi».
• A favore della sperimentazione animale: «Sarà un sistema pieno di difetti, ma di migliori purtroppo non ne abbiamo».