Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

Rosenheim (Germania) 12 gennaio 1893 - Norimberga 15 ottobre 1945. Asso dell’aria tedesco nella Prima guerra mondiale. Politico. Tra i massimi gerarchi nazisti, responsabile della guerra aerea tedesca nella Seconda guerra mondiale.
• Era cresciuto per lunghi periodi lontano dal padre, militare di carriera fino alla carica di governatore dell’Africa sud-occidentale tedesca. Adolescente scapestrato, si era poi adattato alla severità della vita militare. Sottotenente di fanteria all’inizio della Grande guerra: servì per un breve periodo in Alsazia prima di far domanda, soffrendo di reumatismi da trincea, per entrare in aviazione. Dopo una fase di voli di ricognizione e bombardamenti e un lungo periodo di convalescenza per una ferita, nel febbraio 1917 cominciò la sua serie di vittorie in duelli aerei: venti (o ventidue secondo altre fonti) alla fine della guerra. Nel maggio 1918 ricevette la medaglia Pour le mérite, la più alta onorificenza militare tedesca. In luglio fu chiamato a comandare la squadriglia del «circo volante» che era stata di Manfred von Richthofen. Ma a causa della sua arroganza non fu amato dagli altri piloti tanto quanto il Barone rosso.
• Finita la guerra, sostenitore della teoria della «pugnalata alla schiena», aderì al nazismo e diventò presto uno dei più autorevoli collaboratori di Hitler. Presidente del Reichstag nel 1932 e poi ministro, istituì la Gestapo. Maresciallo del Reich nel 1940, capo della Luftwaffe durante la Seconda guerra mondiale. Condannato a morte dal tribunale di Norimberga, si uccise con una capsula di cianuro la notte prima dell’esecuzione.