Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

Pietro Fuda

Biografia di Pietro Fuda

• Siderno (Reggio Calabria) 28 febbraio 1943. Ingegnere (idraulico). Dirigente tecnico prima alla Cassa per il Mezzogiorno, poi presso la struttura acquedottistica trasferita dalla Casmez alla Regione Calabria. Dal 2005 al 2008 amministratore unico della SoGAS spa, la società che gestisce l’aeroporto di Reggio Calabria. Politico. Già consigliere regionale di Forza Italia in Calabria (1995-2000), assessore all’Industria, dal 2002 al 2005 presidente della provincia di Reggio Calabria. Nel 2006 fu eletto al Senato con una Lista civica di centrosinistra (lista Codacons vicina ad Agazio Loiero) che tra Camera e Senato raccolse 100 mila voti, «un gruzzolo decisivo per la vittoria sul filo dell’Unione» (Lorenzo Salvia). Dal 2013 coordinatore regionale del Centro democratico di Regio Calabria.
• Attaccato per il cosiddetto “Comma Fuda” che inserito nella Finanziaria 2007 e poi abolito prevedeva l’ampliamento dei termini di prescrizione per i reati contabili, si difese: «Io ho scritto un articolo per far sì che gli amministratori pubblici fossero per tempo avvertiti di azioni di responsabilità contabile sul loro conto. Una norma di garanzia e di civiltà giuridica. Di quattro commi si componeva l’emendamento. Me li hanno prima accettati. Poi mi hanno comunicato che non gli piacevano più. Il primo comma è pericolosissimo. Ma era incastrato in altri tre commi!».
• A fine 2007 alcune intercettazioni di telefonate tra Berlusconi e il presidente di Raifiction Agostino Saccà fecero ipotizzare che fosse uno dei senatori del centrosinistra pronti a far cadere il Prodi II. Smentì con decisione: «Con me Berlusconi e i suoi non ci provano neanche: sanno bene che non ha prezzo la soddisfazione di aver mandato a casa chi aveva promesso mari e monti per la mia Calabria e poi, in cinque anni, ha aperto solo mezzo cantiere». Qualcuno sospettò fosse lui il senatore pronto a vendersi in cambio di una spintarella all’attrice Evelina Manna: «Le sembra che io, alla mia età, possa infilarmi in storie con attricette?».