Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Longobardi (Cosenza) 9 maggio 1937. Economista. Politico. Nel 2006 eletto al Senato (Lega). «Tutte le grandi verità all’inizio sono bestemmie» (citazione di George Bernard Shaw).
• «Senatore leghista fidato al punto di essere stato messo a suo tempo alla presidenza di Euronord holding, l’involucro di Credieuronord, la banca della Lega, e poi su poltrone importanti all’Eni, a Sviluppo Italia, all’Expo 2015» [Sergio Rizzo-Gian Antonio Stella, Cds 9/10/2010].
• Nel 2010 per un anno è stato presidente dell’Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura), allontanato dai suoi perché voleva far pagare le multe agli allevatori che sforano le quote latte. Vince il ricorso al Tar che annulla il commissariamento.
• Dirigente dell’Azione cattolica, «keynesiano da sempre», si distinse negli anni Ottanta come difensore degli interessi dei piccoli azionisti nei cda della Montedison di Cefis, del Banco Lariano, dell’Eni. Mente economica della Lega, il suo contatto con Bossi avvenne in modo casuale nel 1994 su un volo Roma-Milano.
• «Non rinnega le sue origini meridionali, ha portato Bossi al teatro Odeon di Reggio Calabria (e al loggione che urlava “pecoraio!” e “buffone!” ha risposto: “Ecco il condottiero della nostra riscossa”), ma considera il Sud “un problema di politica internazionale”, per cui gli aiuti statali sono inutili. Si scaglia contro i manager e le loro “remunerazioni da spanciamento”, per poi giustificarsi: “La piena comprensione dei fatti a volte richiede linguaggio al limite del rude”» (Aldo Cazzullo).
• Polemiche perché nel 2006, eletto al Senato, non si dimise dal cda Eni, «la compagnia petrolifera ancora controllata dallo Stato. Un posto che vale 134 mila euro l’anno. Anche se non è soltanto una questione di soldi. Il fatto è che nella sua veste di parlamentare Fruscio esprime pubblicamente opinioni su questioni che riguardano l’azienda pubblica, quotata peraltro in borsa, della quale è consigliere» (Gian Antonio Stella). Le dimissioni arrivarono solo nel gennaio 2008.