Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 19 Martedì calendario

• Concordia Sagittaria (Venezia) 5 marzo 1940. Ex giocatore di pallacanestro. Centro detto “Capitan Uncino”, con Varese vinse 4 scudetti, 4 coppe Italia, 3 coppe dei Campioni e 3 coppe Intercontinentali. In Serie A realizzò un totale di 4.431 punti. Con la Nazionale (118 presenze) giocò tre Olimpiadi (Tokyo 1964, Città del Messico 1968, Monaco 1972).
• Nel 2008 Dino Meneghin lo nominò membro dell’Italia basket hall of fame.
• «Il mio maestro si chiamava Marino Orlando, io ero apprendista tornitore al paese, Concordia, provincia di Venezia, mio papà non era tanto convinto dello sport, poi è andata bene» (a Maurizio Crosetti) [Rep 26/5/2000].
• «Quand’ero in ritiro nella prima delle mie tre Olimpiadi, a Tokyo, scrissi sul diario: “Grazie Signore, dallo sport ho avuto già tutto, può bastare così”. Invece dovevo ancora cominciare» (ibid.).
• In campo fino a sessant’anni nella serie D piemontese come allenatore-giocatore del Vigliano basket team: «I compagni mi chiamavano Flabo, non nonno e neanche zio (...) Entravo negli ultimi cinque, dieci minuti. Smistavo palloni, sistemavo i ragazzi in campo, gestivo l’azione. Il canestro non era lo scopo» (ibid.).
• Dopo il ritiro ha vissuto ad Olimpia, in Grecia, facendo l’agricoltore.