Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Monopoli (Bari) 18 maggio 1945. Storico del cristianesimo. Professore ordinario all’Università di Torino.
• «Non appartiene alla categoria dei razionalisti che liquidano la fede con sufficienza sprezzante. E tiene a prendere le distanze dagli scienziati, come Richard Dawkins e Daniel Dennett, che confinano le religioni in “una fase arcaica nella storia dell’umanità”. Pensa al contrario che esse “rientrino nella storia stessa della ragione”. Ma le affinità con Benedetto XVI si fermano qui. Nel saggio La Chiesa e le sfide della modernità (Laterza, 2007), Filoramo ripercorre con attenzione e rispetto il difficile travaglio della cultura cattolica nell’era del disincanto. Tuttavia esprime un giudizio assai critico sul modo in cui Karol Wojtyla e Joseph Ratzinger hanno riproposto la dottrina sociale della Chiesa come ancora di salvezza per le disorientate democrazie occidentali» (Corriere della Sera).
• Tra i suoi lavori più recenti: Che cos’è la religione (Einaudi 2004), Veggenti Profeti Gnostici (Morcelliana 2005) e La croce e il potere. I cristiani da martiri a persecutori (Laterza 2011).