Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• (Tavazzani) Pavia 29 novembre 1922. Seconda moglie di Amintore (1908–1999). «So per esperienza che dietro un grande uomo c’è una grande donna».
• Amintore fu il suo secondo marito (il primo, sposato nel 1943, era l’ignegnere Giuseppe Vecchi): «Si conobbero a una cena in casa dell’ambasciatore polacco a Roma. Al tempo lui era “vedovissimo”, lei “sposatissima”. Tra i due nacque subito una profonda amicizia, “anche perché non poteva esserci altro”. Quando rimase vedova anche lei, lui prese a telefonarle, a invitarla a pranzo, insomma a farle la corte» (Sebastiano Messina) [Rep 24/11/1999]. Si diedero del lei fino al giorno delle nozze, nell’agosto del ’75.
• «Solerte “ambasciatrice” per gli aiuti e le missioni benefiche nel mondo» (Fiorella Minervino), si è raccontata in Una vita, due vite, i miei anni con Amintore (Mondadori).
• «Non più solo mondana e salottiera ma presidente della Croce Rossa italiana femminile, fondatrice dell’associazione Insieme per la pace. Lei che sbarca da un Boeing 737 con un carico di bambini ruandesi, in divisa da crocerossina di ritorno da Sarajevo, sulla nave della pace che va in giro per l’Africa a distribuire settemila tonnellate di aiuti» (Claudia Fusani) [Rep 21/11/1999].