Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 12 Martedì calendario

• Giulianova (Teramo) 21 marzo 1933. Pittore.
• Inizia a dipingere a 16 anni, nel 1952 si diploma in Ragioneria e due anni dopo ottiene la maturità presso il liceo artistico di Pescara. Lavora insegnando Disegno presso la scuola media della sua città, e affina la tecnica copiando un migliaio di dipinti e disegni, arrivando così a conoscere i segreti tecnico-coloristici. Comincia ad esporre in Abruzzo, nel 1975 abbandona l’insegnamento per dedicarsi completamente alla pittura, tiene mostre personali a Francoforte, Colonia, Düsseldorf, Parigi, New York, Toronto, Hamilton, Tokyo. «Fanciulle, violini, navi e scale prendono posto in un mondo chiaro e raggelato, scosso appena dal fremito e dagli appetiti di piccoli narcisi adolescenti. Su fondo neoclassico, allora kamp e kitsch si dividono la scena» (Ermanno Krumm) (Kamp o Camp: la prima a cercare di definirlo fu Susan Sontag nel 1964 con il saggio Note sul Camp. Suggerì che «l’essenza Camp è il suo amore per l’innaturale, per l’artificio, per l’eccesso»).
• «Falconi si fa amare per la qualità delle sue femmine e per quei rilievi peccaminosi che stanno nelle vene di quei corpi spesso ben distesi sulle tele, o lenzuola che siano. E mi fermo qui» (Giorgio Soavi). (a cura di Lauretta Colonnelli).