Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  giugno 22 Venerdì calendario

• Torre del Greco (Napoli) 13 giugno 1979. Ex Calciatore.
• Ha giocato in Serie A con Udinese (1999), Chievo (2009), Roma (2007). In serie B con Pescara (1998), Cagliari (2001-2007) e Grosseto (2010). Qualche presenza in Nazionale (nel 2006 per un pelo non andò ai Mondiali).
• Tifoso del Napoli, ma il suo calciatore preferito è Roberto Baggio «Più accessibile, più reale; Diego era immenso» (Mauro Esposito) [Il Giornalino 2008].
• Esordisce nel Pescara, dopo essere stato notato da Pier Paolo Marino, ex direttore sportivo di Napoli, Pescara e Udinese, che ne assume la patria potestà «Pierpaolo Marino, il mio secondo padre. A 12 anni mi portò a Pescara, poi mi ha voluto a Udine. Sua moglie è il mio procuratore. Non è facile lasciare la famiglia a 12 anni. A 15 persi un anno per un’operazione alla schiena. Sembrava tutto finito. Oggi è bello ricordare pure i momenti brutti» (Mauro Esposito) [Gds 5/9/2004].
• Durante i suoi anni al Cagliari acquista 90 magliette della squadra (al prezzo di 30 euro l’una) oltre a quelle normalmente fornite a partita. (Mauro Esposito) [Gds 3/1/2008].
• «Nedo Sonetti lo battezzò “Cicco gol” e un giorno gli disse: “Ragazzo, di seconde punte è piena l’Italia. Corri in fascia, se vuoi un futuro”» (Luigi Garlando).
• Massimo Cellino sul suo passaggio alla Roma: «Esposito guadagna 390 mila euro all’anno e non mi ha mai chiesto un euro in più: gli devo lealtà e riconoscenza. Visto che mi ha detto che vuole giocare la coppa dei Campioni, che faccio, gli dico no?» (Massimo Cellino) [Cds 26/6/2007].
• Nel 2007 un infortunio al ginocchio compromette la sua carriera: «Con la Roma le cose sono andate diversamente. Loro si aspettavano di più, ma i problemi fisici non mi hanno dato tregua. La squadra, poi, andava a meraviglia e non potevano certo aspettarmi. A finire ai margini c’ è voluto un attimo» (Mauro Esposito) [Cds 10/10/2010].
• Nel 2010 firma con l’Atletico Roma «Il passato conta poco per me. Ho l’umiltà per accettare questa sfida, una stagione in Prima Divisione con l’obiettivo di vincere subito qualcosa d’ importante.» (Mauro Esposito) [Cds 10/10/2010].
• Sposato con Alessandra Sottile, dalla quale ha avuto un figlio: «Come padre è bravissimo, insieme guardano le partite e sono entrambi tifosi del Napoli, ovviamente».