Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

• (Michele Mario) Castellana Grotte (Bari) 5 ottobre 1946. Ingegnere. Manager. Dal 29 maggio 2014 amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato.
• Laureato in Ingegneria elettronica, dopo breve periodo da insegnante presso un istituto tecnico, è stato assunto in Ferrovie nel 1975 grazie a un concorso per ispettore, dal 1986 dirigente, per otto anni è stato amministratore delegato di Rfi (Rete Ferroviaria Italiana, società che gestisce la rete controllata da Fs) [Giorgio Santilli, S24 30/5/2014].
• «Vicinissimo al predecessore Mauro Moretti (…) Molti incarichi anche all’estero: la presidenza della piattaforma Ertms della Union internazionale des chemins de fer e il ruolo di rappresentante della International union of railways nello Steering Committe Ertms» (Giuseppe Bottero) [Sta 30/5/2014].
• «Un ingegnere cresciuto a pane e binari. Il significato della sua nomina va al di là dell’esperienza e della competenza, dal momento che uno dei temi teoricamente sul tavolo è quello della potenziale separazione dei treni dall’infrastruttura per rafforzare la concorrenza, invocata specie da quando sono su piazza i treni ad alta velocità della Ntv di Luca di Montezemolo e Diego Della Valle. Ebbene, se un segnale arriva al riguardo da questa nomina è che la separazione fra treni e rete non si farà, almeno per ora. Su questo sembrano tutti d’accordo» (Stefano Caviglia) [Pan 29/5/2014].