Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

Enrico Dindo

Biografia di Enrico Dindo

• Torino 16 marzo 1965. Violoncellista. Direttore d’orchestra. Insegna al conservatorio di Lugano e presso la Pavia Cello Academy. Comincia a studiare musica a sei anni, a ventidue ricopre il ruolo di primo violoncello solista nell’Orchestra del Teatro alla Scala (1987-1997).
• Vincitore della VI edizione del concorso Rostropovich di Parigi, premio Abbiati per il Duemila, «strettamente avvinto alle pareti di sesto grado della musica d’ogni autore e continente», ospite di tutte le più famose orchestre d’Italia e del mondo.
• «È musicista colto che sostiene la ricerca musicale» (Mstislav Rostropovich).
• Nel 2001 creò I Solisti di Pavia. Nominato nel 2012 accademico di Santa Cecilia.
• Nell’autunno 2013 si è esibito in una trionfale tournée (Lipsia, Parigi, Londra e Vienna) con la Leipziger Gewandhaus Orchester, diretta da Riccardo Chailly.
• Opera come donatore di musica all’ospedale civile di Massa Carrara «Il violoncellista Enrico Dindo mi prega d’invitarlo almeno una volta l’anno: lo fa stare meglio» (Maurizio Cantore, responsabile del dipartimento oncologico dell’Asl di Massa Carrara) [Stefano Lorenzetto, Grn 17/11/2013].
• Incide per Chandos e per Decca. Suona un violoncello Pietro Rogeri del 1717, affidatogli dalla Fondazione Pro Canale.