Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

Roma, 5 marzo 1955. Presidente del Lazio Calcio a cinque e socia del Circolo Canottieri Lazio, luogo storico della destra romana. Nel 1988 sposò Gianfranco Fini. I due si separarono nel giugno 2007. «Non si cancellano trent’anni di vita insieme» [Blz 15/2/2011]. Già moglie di Sergio Mariani detto Folgorino: «Si sposarono nell’autunno 1976. Daniela aveva 20 anni. Tre mesi dopo, essendo pericoloso come una Santa Barbara, Mariani fu spedito per un anno al soggiorno obbligato in Sardegna. E anche quando tornò era sempre in fuga. La sposina si trasformò in vedova bianca. Lavorava come tastierista alla tipografia di via del Boschetto che stampava il Secolo d’Italia, quotidiano del Msi. Componeva i titoli. La sera si affacciava Fini, ai primi passi come giornalista. Indignati per la tresca, gli amici di Mariani si appostarono una notte sotto casa di Gianfranco. Lo pestarono e gli storsero il naso, come si può notare tuttora. Il lieve difetto patito per amor suo convinse Daniela che quello era l’uomo giusto. Appena il marito tornò dall’esilio lo affrontò: “È finita. Vado dall’avvocato”. Mariani replicò: “Se lo fai mi sparo”. “Sparati” disse Daniela, e sbatté la porta, scendendo le scale. Al terzo scalino sentì due colpi. Rientrò e trovò il marito in un bagno di sangue, con un buco nell’addome. Restò un mese tra la vita e la morte. Il suo ambiente la isolò. Per ottenere il divorzio dovette rivolgersi a un avvocato comunista. Fu dura. L’ostracismo svanì appena Gianfranco divenne capo del partito» (Giancarlo Perna).
• «La prima cosa che mi ha colpito di Gianfranco è stato il lungo e brutto cappottone di pelle, e il suo strano modo di parlare. Lo chiamavano Tortellino, era appena arrivato da Bologna». È che lei avrebbe anche ammorbidito il suo look, ingessato alla Almirante, con molti completi grigi e cravatte rosa.
• Fini la lasciò per Elisabetta Tulliani: «25 anni insieme, icone della destra italiana, storia d’amore e politica: si conobbero nel 1971 in una sezione del Msi e sembravano inossidabili. Poi la loro traiettoria si è divisa e l’avvocato Giulia Bongiorno il 16 giugno 2007 comunicò che “percorsi di vita differenti hanno determinato un progressivo allontanamento che, se non ha minimamente intaccato i sentimenti di stima e affetto reciproci, rende tuttavia impossibile continuare il rapporto coniugale con la serenità e lo spirito di condivisione necessari”. Fine dell’unione a destra, comparsa sulla scena pochi mesi dopo di un’altra lei, Elisabetta Tulliani, un po’ showgirl, un po’ avvocato, bella donna. (…) Il 2 dicembre 2007 Fini diventa padre per la seconda volta, nasce Carolina» (Mario Sechi) [Pan 14/5/2009].
• Nel 2007, pochi giorni dopo l’annuncio della separazione, finì sotto inchiesta nell’ambito di uno dei filoni dell’indagine sulla sanità laziale; l’anno prima erano uscite intercettazioni compromettenti con Francesco Proietti Cosimi, segretario di Fini allora eletto al Senato e suo socio in affari.
• «Una “professionista” dell’arrampicamento sociale, una “con il pelo sullo stomaco”, basta pensare che “è riuscita a stare con uno come Gaucci quando aveva 25 anni”, questo il pensiero in sintesi della Di Sotto, raccolto da orecchie (in)discrete. Si può intuire, malgrado la separazione che indurisce i cuori, un moto di solidarietà per il difficile momento attraversato dall’ex marito» (Paolo Bracalini) [Grn 13/08/2010]. Erano i giorni della polemica sulla casa a Montecarlo.
• «Daniela Di Sotto, Elisabetta di sopra» (Dagospia).
• Con Fini ha avuto una figlia, Giuliana (1986).
• Laziale, era riuscita anche a convertire Fini.
• Nel settembre 2011, sul sito del Tgcom foto al fianco di un misterioso compagno su una Ferrari California nera.