Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

• Pietrasanta (Lucca) 1 ottobre 1943. Magistrato. Già pretore a Castelvetrano e a Palermo, dove fu procuratore generale aggiunto, dal 2003 alla guida della Procura di Termini Imerese. Il 16 luglio 2008 è stato nominato capo della Procura di Marsala (che fu guidata da Paolo Borsellino), 13 voti contro i 12 di Alfredo Morvillo (fratello della Francesca che morì col marito Giovanni Falcone nella strage di Capaci).
• Accusato di essere il «corvo» che nell’estate del 1989 scrisse alla Procura di Palermo alcune lettere anonime per screditare il pool antimafia e Giovanni Falcone, fu condannato in primo grado. Scrisse allora Giuseppe D’Avanzo: «Di Pisa è soltanto un uomo frollato dalla lunga attesa di un pubblico riconoscimento, di popolarità e potere, un piccolo uomo sbriciolato dall’invidia e dalla gelosia, precipitato nel gorgo di un risentito rancore». Fu poi assolto. La sentenza di assoluzione, definitiva perché non appellata dal pm Marianna Li Calzi, fu pronunciata dalla Corte di Appello di Caltanissetta nel 1993.