Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Roma 23 settembre 1962. Scrittore. Giornalista.
• Dopo la laurea in Scienze politiche all’università La Sapienza di Roma, si dedica alla carriera giornalistica, collaborando con varie testate.
• Esperto di normativa del Codice della strada, sul tema ha scritto il saggio Guidare oggi (Curiosando, 2010). È stato inoltre progettista e consulente per la realizzazione di centri di educazione stradale per bambini e di un parco scuola itinerante presso il Parco scuola del traffico di Roma.
• Tra le sue pubblicazioni: La famiglia di fatto (Atheneum, 2006) saggio sulle unioni civili; Io, prigioniero in Russia (Maremmi Editorie, 2008) in memoria del padre Alfonso; Mussolini finto prigioniero al Gran Sasso (Curiosando, 2011); Pino Wilson vero capitano d’altri tempi (Fernandel, 2013), biografia ufficiale del capitano della Lazio e della nazionale italiana; Come sciogliere un matrimonio alla Sacra Rota (Fernandel, 2014); L’ultimo segreto di Mussolini (Il Cerchio, 2015), ricerca storica sulla cosiddetta Operazione Quercia.
• Da ultimo ha pubblicato Cefalonia, io e la mia storia (Il Cerchio, 2017). «Tra autobiografia e storia, Di Michele ci aiuta a conoscere, senza infingimenti, cosa è successo alla fine della II Guerra mondiale, ma soprattutto ci fa “sentire” il dolore delle famiglie dei martiri di Cefalonia, da sempre considerati gli eroi della Resistenza e i salvatori della nuova Patria: “L’Italia antifascista”» (Sabina Biraghi). «È una lettura vissuta sullo sfondo familiare e soprattutto al femminile quella che Vincenzo Di Michele dà dell’eccidio di Cefalonia. […] Rilegge una delle pagine più buie della storia italiana da una prospettiva diversa: le angosce e le attese delle mamme e delle mogli che attendevano il ritorno dal fronte dei loro cari. Partendo da fatti realmente accaduti, lo storico e saggista rivive in prima persona gli avvenimenti di quel settembre del 1943 quando l’esercito italiano, dopo la proclamazione dell’armistizio, si dissolse nel nulla» (L’Opinione).
• Sposato con l’avvocata matrimonialista Carla Guiso, tre figli: Matteo, Marco e Tommaso.