Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 11 Lunedì calendario

Roma 4 agosto 1978. Politico. Eletto alla Camera nel 2013 con il Movimento 5 Stelle. Vicepresidente della commissione Affari Esteri di Montecitorio.

• Cresciuto a Civita Castellana, laureato al Dams, ha girato il mondo come cooperante. Conosce bene il Guatemala, è stato in Kosovo, Bosnia e Serbia e scritto un libro sui fenomeni delinquenziali latinoamericani.

• Considerato il “ministro degli Esteri” dei grillini in Parlamento, molto apprezzato il suo primo discorso in Aula sui Marò (ricevette i complimenti della presidente della Camera Boldrini e poi del candidato al Quirinale Stefano Rodotà). Contraddicendo la linea di Beppe Grillo si è detto «favorevole allo ius soli» e ha contestato il diritto del comico a imporre le sue posizioni: «A decidere saranno, come sempre nel nostro Movimento, i cittadini».

• «Ogni volta che vedo e sento parlare il deputato delle Cinque Stelle Alessandro Di Battista o leggo sue dichiarazioni, mi faccio la stessa domanda: perché non è del Pd o di Sel?» [Michele Serra, la Repubblica 11/5/2013]. «Grintoso e lealista, falco a Palazzo e colomba con gli attivisti, in poco tempo il giovane Alessandro è emerso dall’anonimato dei cittadini in Parlamento, ritagliandosi un ruolo di spicco nella vita politico-mediatica del M5s» [Marco Fattorini, Linkiesta 3/5/2013]