Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

• Locorotondo (Bari) 13 maggio 1977. Scrittore. Poeta. Tra i libri: Neppure quando è notte (Pequod, 2003); Vita precaria e amore eterno (Mondadori, 2006); Il paese delle spose infelici (Mondadori, 2008, da cui è stato tratto il film omonimo del 2011 di Pippo Mezzapesa); Ternitti (Mondadori, 2011); Il libro dell’amore proibito (Mondadori, 2013). Dal 2008 al 2013 direttore editoriale della Fandango.
• «Il più giovane direttore editoriale italiano. Nella casa editrice di Domenico Procacci, sulla poltrona prima occupata da Rosaria Carpinelli, Desiati è arrivato dopo un apprendistato cominciato da Pequod con Marco Monina (che ha pubblicato anche il suo primo libro, Neppure quando è notte). Poi l’incontro con Enzo Siciliano, la carriera nella rivista Nuovi Argomenti dove ha collaborato con una squadra di amici e colleghi come Alessandro Piperno, Leonardo Colombati, Roberto Saviano, Carlo Carabba (che ora l’ha sostituito come coordinatore). “Dal punto di vista del lavoro editoriale devo tutto ad Antonio Franchini – dice Desiati –. Siciliano e Parazzoli invece sono stati i miei maestri intellettuali”. Vero e proprio talent scout, Desiati (...) ha collaborato anche con minimum fax per cui ha selezionato i 16 narratori esordienti di Voi siete qui. Senza tuttavia mai rinunciare alla scrittura» (Cr. T.) [Cds 2/4/2009].