Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

Luca De Meo

Biografia di Luca De Meo

• Milano 13 giugno 1967. Manager. Marketing manager di Audi dal settembre 2012. Amministratore delegato di Alfa Romeo e Abarth. Chief marketing officer dell’intero gruppo Fiat dal 2007 al 2009, anno in cui lascia il Lingotto per entrare a far parte del Gruppo Volskwagen a giugno.
• Il suo contributo al rilancio e al rinnovamento del marchio Fiat è stato segnato da tappe importanti come la nascita della Croma, della Grande Punto, della Bravo e della 500: «Dal suo ingresso in Fiat nel 2002, ha bruciato le tappe passando dall’incarico di responsabile marketing del marchio Lancia a quello di capo della business unit e successivamente di tutto il brand. Nel novembre 2004 assume il ruolo di guida del Brand & Commercial Fiat che mantiene sino a gennaio per diventare responsabile di Fiat Automobiles» (Vanni Cornero).
• «Piace a Marchionne perché sa cavalcare le tendenze, interpreta il gusto del pubblico. Senza mai smarrire il senso della realtà» (Piero Bianco).
• «Il personaggio è per molti aspetti diverso da Sergio Marchionne, a partire dal look: se quest’ultimo ha fatto del maglioncino una divisa, De Meo non disdegna il gessato. Scherza spesso con Marchionne sui ritmi di lavoro cui quest’ultimo costringe i collaboratori; se il numero uno del gruppo guarda alla sostanza, il giovane ha quella dose di estroversione che non stupisce in un venditore. Laureato alla Bocconi, De Meo ha alle spalle 15 anni nel marketing in aziende automobilistiche: i primi 5 alla Renault (dove è stato product manager della Clio), poi altri 5 alla Toyota (dove ha collaborato al lancio della Yaris)» (Andrea Malan).