Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Lacco Ameno (Napoli) 2 novembre 1983. Giornalista, blogger (attualità, viaggi). Presidente dell’associazione dei consumatori Generazione attiva, fondata da lui nel 2007. Attivista del Movimento 5 Stelle. Già candidato alla Camera per il movimento nella circoscrizione Europa. Laureato in Scienze Politiche con una tesi in Diritto dell’Unione Europea. Vive a Parigi. Figlio di un maresciallo dei Carabinieri e di, «è il ragazzo da 1 miliardo e 700 milioni di euro. I soldi che i gestori della telefonia mobile si mettevano in tasca in un anno grazie ai costi di ricarica e che ora hanno perso. Perché lo dice il decreto Bersani, certo. Ma anche perché D’Ambra il 2 aprile del 2006, in tempi non sospetti, ha promosso la petizione per abolirli» (Mario Porqueddu).
• «Va a trovare la sua fidanzata francese, Charlotte, che vive a Chambery, la capitale della Savoia. I due entrano in un negozio e lei compra una ricarica offerta in promozione: con 25 euro, gliene danno una da 30. Ma in Francia non ci sono i costi di ricarica? No, non ci sono. Tornato a Ischia, accende il computer, il suo filo diretto con il mondo, e comincia a smanettare» (Corrado Giustiniani).
• «Sono un convinto europeista e credo che da questa possa venire molto del cambiamento necessario per il nostro Paese. Appassionato a tutto ciò che attiene alle nuove tecnologie, amo le lingue» [andreadambra.eu].