Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 12 Martedì calendario

Castelvetrano (Trapani) 16 marzo 1953. Vescovo di Latina. Sacerdote dal 1979, docente di teologia, nel 2007 era stato nominato vescovo di Noto, dopo essere stato vicario generale a Mazara del Vallo. Segretario della Conferenza episcopale italiana dal 20 ottobre 2008 al 19 novembre 2013.
• Nella Cei aveva preso il posto di Giuseppe Betori (ora arcivescovo di Firenze). «Mai la Cei aveva avuto un segretario (e tampoco un presidente) proveniente dal Mezzogiorno. La questione è stata fatta valere dai vescovi meridionali e Bagnasco li ha ascoltati» (Luigi Accattoli). L’associazionismo cattolico aveva apprezzato la nomina per la sensibilità sociale di Crociata, che è anche studioso dei rapporti con l’Islam: l’Associazione intellettuali musulmani italiani aveva parlato di un «segnale importante per il dialogo interreligioso».
• «Non è stato un grande organizzatore e ha deluso quanti si aspettavano da lui nuove idee ai vertici Cei. Papa Francesco lo ha destinato alla diocesi di Latina e il suo trasferimento d’imperio suona come monito a tutti coloro, che non sono pronti a inserirsi nel nuovo corso. (…) Il Pontefice gli aveva fatto pervenire la proposta di assumere l’incarico di ordinario militare, cioè di vescovo di tutti i cappellani militari. Un posto che assicura una certa visibilità. Crociata, tuttavia, ha iniziato una partita a scacchi con il papa, sottovalutando la sua pazienza. Ha fatto l’errore di rifiutare la nomina ad ordinario militare , cercando di ottenere una diocesi più in vista. La reazione di papa Francesco è stata gelida» (Marco Politi) [Fat 20/11/2013].
• «È la prima volta dopo decenni che il segretario uscente della Cei non viene destinato a una sede cardinalizia» (Matteo Matzuzzi) [Fog 20/11/2013].
• «Con Crociata, Francesco è tornato alla prassi in vigore durante il pontificato di Paolo VI e nei primissimi anni di Papa Wojtyla, quando la segreteria Cei non rappresentava affatto il viatico a diocesi di primo piano» (Andrea Tornielli) [Sta 20/11/2013].
• Il 13 marzo 2013, a pochi minuti dall’«Habemus Papam» che annuncerà Francesco, la Cei salutava con un comunicato «la notizia dell’elezione del Cardinal Angelo Scola a Successore di Pietro». Crociata dichiarò, subito dopo, gioia e riconoscenza «per l’elezione del Cardinale Giorgio Mario Bergoglio».