Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Roma 23 settembre 1942. Francesista. Docente all’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, in precedenza insegnò all’Università della Tuscia (1988-2005). Nel 2007 ha collaborato come professoressa inviata con l’Università della Sorbona di Parigi. Per dieci anni, dal 1976 al 1986, ha diretto il programma culturale Spazio 3 in onda su Rai Radiotre. Uno storico bestseller alle spalle, Madame du Deffand e il suo mondo (Adelphi 1982). La civiltà della conversazione (Adelphi, 2001) ha vinto cinque premi letterari e a maggio 2002 è stato letto in dieci puntate dalla stessa autrice su Radiodue, in un programma condotto da Luca Zingaretti: «Si resta ammaliati dalla voce seducente di Benedetta Craveri, narratrice di una grande avventura dello spirito europeo. Non se ne abbia Zingaretti se la Craveri gli ruba la scena» (Aldo Grasso). Nipote di Benedetto Croce, allieva di Giovanni Macchia.
• «Ha dedicato un ampio studio alla Civiltà della conversazione considerata come una delle grandi istituzioni della cultura francese e ha composto una galleria di ritratti femminili dell’Ancien Régime, dalla potente Caterina de’ Medici e dalla sua rivale in amore Diana di Poitiers fino alla sventurata Maria Antonietta, ricavati da una serie di articoli apparsi originariamente nel quotidiano la Repubblica (Amanti e regine. Il potere delle donne, Adelphi 2005)» (Mario Andrea Rigoni).
• Sposata con Benoît d’Aboville, due figli tra i quali la scrittrice Margherita D’Amico, avuta da Masolino.