Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 12 Martedì calendario

• Milano 10 aprile 1956. Presidente del gruppo Impregilo, è stato uno dei principali artefici della fusione con Salini Costruzioni nel 2013. Siede anche nel consiglio di amministrazione di Luxottica, FTI Consulting Inc, Virgin Group Holdings Ltd. Ex Banchiere. Esperto di fusioni e aggregazioni, nel 2007 consulente unico nell’acquisizione di Capitalia per mano di Unicredit. Liceo a Bruxelles, poi la Bocconi a Milano (ora è membro nell’International Advisory Council dell’ateneo). Ha lavorato in Citibank, Montedison e Goldman Sachs.
• Sulle prospettive della nuova Salini-Impregilo: «Si uniscono due leader italiani. Basta guardare i numeri. Assieme le due aziende sono finora state in grado di realizzare nel settore delle costruzioni 230 dighe nel mondo, impianti di produzione di energia elettrica per 36.800 megawatt, circa 1250 chilometri di tunnel, 6.700 chilometri di linee ferroviarie, 340 chilometri di linee della metropolitana, 36mila chilometri di strade e autostrade, 320 chilometri di viadotti. (…) Abbiamo già ottenuto 20 miliardi di commesse combinate tra Impregilo e Salini, alcune di grande rilievo: in particolare, l’appalto da 1,7 miliardi di euro promosso dalla Qatar Railways Company per la progettazione e realizzazione di una linea della metro di Doha ma anche lo sdoppiamento del canale di Panama, che ha un valore di 4 miliardi di dollari complessivi» (Sole 24 Ore 25/6/2013).
• «L’arma segreta di Costamagna sono stati i suoi contatti, tanto apprezzati da Goldman e particolarmente efficaci per Capitalia. Nel libricino magico figurano infatti nomi come quello del numero uno di Unicredit Alessandro Profumo, con cui Costamagna ha stretto un buon legame. Costamagna può inoltre contare su buoni contatti anche nella politica, un elemento non da poco in un paese come l’Italia, dove politica e affari si intrecciano» (Mike Verdin).
• Nel 2008 è stato consulente nell’ingresso di DeA capital, la società di investimento controllata da De Agostini, nei fondi immobiliari Fare Holding (First Atlantic Real Estate Holding), e nell’acquisizione di Taodue, casa di produzione di fiction e film, da parte della Medusa.
• Grande appassionato di scherma (fioretto), fu campione nazionale nel 1977. Separato, dal 2007 è legato a Carole Bouquet. Vive a Londra. Ha fatto da testimone alle nozze di Angelo Rovati con Chiara Boni.