Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

• Roma 11 febbraio 1953. Docente di Istologia ed Embriologia all’Università La Sapienza di Roma. Direttore dell’Istituto di ricerca sulle cellule staminali del San Raffaele di Milano, poi all’University College London, è uno dei massimi esperti italiani delle cellule da cui originano tutti i tessuti dell’organismo, su cui ha fatto scoperte importantissime.
• «Una delle sperimentazioni più avanzate con le cellule staminali è attualmente in corso in Italia. L’ha iniziata 10 anni fa al San Raffaele di Milano Giulio Cossu. “Abbiamo trattato 3 bambini con distrofia muscolare. Altri due dovrebbero iniziare entro l’anno, siamo in attesa delle autorizzazioni. Compresi i test in vitro, quelli sugli animali e le prove di tossicologia, abbiamo speso finora 3,5 milioni di euro. (…) Tutti i bambini della nostra sperimentazione hanno viaggio e alloggio pagato sia per il trattamento che per i controlli successivi. (…) A volte i genitori ci accusano, sostengono che nessuno può conoscere un bambino meglio di sua madre, e solo a lei può essere affidato il giudizio sulla cura. Ma noi ricercatori possiamo fidarci solo delle misurazioni oggettive per escludere l’effetto placebo o le aspettative di miglioramenti dopo un trattamento. A nessuno di noi fa piacere se un piccolo paziente peggiora, e magari finisce sulla sedia a rotelle, mentre siamo in attesa di un’autorizzazione. Ma dobbiamo restare razionali. Farsi vincere dall’emotività è l’errore peggiore che si possa fare”». (a Elena Dusi) [Rep 7/9/2012].