Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  novembre 19 Domenica calendario

• Sant’Arcangelo di Romagna (Rimini) 17 luglio 1955. Imprenditore. Padrone di Telemarket (emittente nazionale specializzata nella vendita di oggetti d’arte), chiusa nel 2013. Nel 2008 ha venduto a Giorgio Armani l’Olimpia Milano (basket). Ex padrone anche del Napoli calcio (condannato per il crac della società calcistica insieme all’ex presidente Ferlaino). Nel marzo 2002 fu arrestato con le seguenti accuse: associazione a delinquere, falsificazione delle opere pittoriche e grafiche di autori contemporanei, truffa e ricettazione. Dopo quattro giorni fu scarcerato. Acquisisce la casa d’aste Semenzato ed entra nell’azionario di Finarte, la maggior maison italiana, quotata in borsa (Finarte viene dichiarata fallita dal Tribunale di Milano a marzo 2012, da qui una condanna a un anno e 8 mesi.
• «Sono il Berlusconi delle aste, si vantava con gli amici di gioventù, neanche a torto, fatte le debite proporzioni» [Rep].
• L’8 gennaio 2013 ha deciso di chiudere Telemarket: « (…) si chiude, ho deciso. In un paese come l’Italia, dove si criminalizza chiunque acquisti un quadro o un’opera, non ha più senso andare avanti con l’attività (…) mi sto già muovendo in Cina, con un progetto simile a quello di Telemarket. È molto difficile, ma non abbiamo altra scelta, siamo costretti a guardare fuori, all’estero. L’Italia è un Paese che non ha futuro, se si continua a tartassare la gente in questo modo» [Rdc 3/2/ 2013].