Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 11 Lunedì calendario

• Sant’Agata di Militello (Messina) 18 febbraio 1933 – Milano, 21 gennaio 2012. Scrittore. Suo libro più famoso: Il sorriso dell’ignoto marinaio (Einaudi, 1976, poi Mondadori). Con Nottetempo, casa per casa (Mondadori) vinse nel 1992 il premio Strega. «Mi sento vicino agli sperimentalisti alla Meneghello, aborro chi fa un uso folcloristico del dialetto e sostiene l’eterno mito lacrimevole e assolutorio della Sicilia afflitta da chi sa che cosa». «I suoi romanzi, da La ferita dell’aprile a Lo spasimo di Palermo, tutti concentrati a cercare nelle pieghe della storia i segni della sconfitta della ragione, dell’eterno sopruso, della tragedia che affligge i perdenti» (Paolo Di Stefano).
• «Cerco di immettere nel toscano quelli che sono i reperti linguistici dei ricchi giacimenti che ci sono in Sicilia. Prendo parole talvolta di origine araba, greca o latina e le innesto nel codice linguistico centrale. Non è un’esigenza estetica, ma etica. Credo di poter rappresentare così realtà diverse da altre realtà e poi da un’esigenza di memoria. Verga diceva che la distanza gli serviva per vedere con realtà e chiarezza qual era la realtà magmatica siciliana».