Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

Teor (Udine) 9 maggio 1957. Ex calciatore. Campione del mondo nell’82 in Spagna. In tutto 50 presenze e 3 gol in Nazionale. Debutto nel febbraio ’79.
• «Il numero esatto non lo ricordo ma non dimentico il debutto in azzurro, il 24 febbraio 1979, Italia-Olanda 3-0, era la settimana in cui morì Nereo Rocco. Alle spalle avevo tre anni di Serie A» (ad Alberto Costa).
• «Ha un passato nell’atletica leggera “Ai campionati studenteschi gareggiavo nel salto in lungo con buoni risultati. Un anno mi classificai terzo” e, come padre di Clementina, è stato genitore-spettatore di diverse edizioni dei Trofei di Milano: “Mia figlia ha partecipato ai 100 metri e alle staffette quando era alle elementari e poi alle medie. La seguivo con emozione, se avesse voluto continuare non mi sarei opposto”» (a Roberto Rizzo) [Cds 12/2/2011].
• Giocò con Milan (scudetto 1979), Inter, Genoa, Roma, Udinese. «“...Oriali, Collovati, Scirea...”: è la seconda parte della filastrocca azzurra scolpita nella memoria degli italiani grazie al titolo mondiale dell’82 e un posto di diritto spetta a questo stopper che fa dell’eleganza la sua forza» (Dizionario del calcio italiano).
• «Ero milanista, doc, da piccolo, la scelta arrivò automaticamente. Pulcini, Allievi, Juniores, Primavera: ho fatto tutta la scalata anche se col settore giovanile, a livello di squadra, ho avuto anche sfortuna. Due sconfitte al Viareggio, in finale, la prima col Dukla Praga, la seconda con la Sampdoria. Però mi sono tolto la soddisfazione di vincere il titolo di miglior giocatore del torneo».
• Adesso giornalista e opinionista tv (Domenica sportiva).
• Spesso discusso come commentatore, ad esempio agli Europei 2012: «Il diritto di critica esiste, ci mancherebbe. Ma quello che dà fastidio sono i preconcetti che mi sembra ci siano ogni tanto. Collaboro con la Rai da quattordici anni, ho seguito tre Mondiali e quattro Europei, e sono convinto che la tv pubblica abbia sempre offerto ottimi prodotti. Penso si dovrebbe rispettare il lavoro di chi viene seguito da così tante persone» (ad Arianna Ravelli) [Cds 04/07/2012].
• «Ho preso la maturità scientifica, ma avrei studiato nel ramo economico, sicuramente».
• Dalla moglie Caterina, ex volto femminile di Caccia al 13, ha avuto due figlie, Celeste e Clementina.