Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

Aldo Clementi

Biografia di Aldo Clementi

• Catania 25 maggio 1925Roma, 3 marzo 2011. Compositore. Opere: Due poesie per voce e pianoforte (1946, su testi di F.M. Rilke e V.m Hugo), Fantasia su roBErto FABbriCiAni (sic) per flauto e nastro magnetico (1981), Trio per violino, violoncello e pianoforte (2000), Blues e Blues 2 per pianoforte (2001). Dal 2006 fino all’anno della sua morte è stato direttore onorario dell’Istituto Superiore di Studi Musicali Vincenzo Bellini di Catania.
• «Allievo di Goffredo Petrassi, è rimasto uno dei pochi testimoni della “generazione Darmstadt” quella di Maderna, Nono, Berio, Evangelisti e Guaccero in Italia e di Boulez, Stockhausen, Ligeti, solo per fare qualche nome, in Europa» (Giuseppina Rossi).
• «Il raffinato gioco polifonico, l’amore per la progettazione di articolati meccanismi sonori, l’ossessione per il canone e per la germinazione contrappuntistica del materiale: sono i tratti costanti che meglio rappresentano la musica del compositore catanese» (Enrico Girardi).
• «Aldo è stato mio compagno di Conservatorio, ci siamo diplomati insieme. Conosco bene la sua passione, a un certo punto voleva addirittura lasciare la musica per gli scacchi... Ho giocato tante volte con lui, ma su dieci partite che facevamo Aldo ne vinceva in media almeno sei. Devo ammetterlo, è più bravo di me» (Ennio Morricone)