Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• 12 novembre 1976. Camorrista. Condannato all’ergastolo per strage aggravata da finalità mafiosa e odio razziale (strage di Castelvolturno, 18 settembre 2008, vedi Giuseppe Setola). La sentenza è diventata definitiva il 30 gennaio 2014. Fu riconosciuto in fotografia dall’unico sopravvissuto alla strage, Joseph Ayimbora, 34 anni, ghanese. Detto “’o Sergente”. Secondo le accuse faceva parte del gruppo di fuoco facente capo a Setola Giuseppe. Quando fu arrestato, il 30 settembre 2008 (in una villetta di Licola, sul litorale domizio, poco lontano dal chilometro 43 della Domiziana e da Baia Verde, luogo della strage di Castelvolturno), si complimentò coi carabinieri: «Bravi! Ci siete riusciti». Dandone notizia i giornali scrissero che pesava più di un quintale. Sequestrati anche due kalashnikov e due pistole 9x21, auto e moto, pettorine con la scritta “carabinieri” e lampeggianti, secondo l’accusa usati nella strage. (a cura di Paola Bellone).
• Nel 2007, quando era a capo del clan Bidognetti ed agli arresti domiciliari, il regista Matteo Garrone lo incontrò per documentarsi prima di girare Gomorra.