Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

• (Girolamo Silverio Calisi) Ponza (Latina) 20 giugno 1914- Arbatax (Ogliastra) 26 gennaio 2009. Guaritore.
• Ex pescatore, cura i malati con la saliva e « posa le mani, ma non lo fa in nome di Gesù, e neanche del denaro perché non ha mai preteso un centesimo da nessuno» (Elio Pirari).
• Maurizio Ricci, primario del reparto di Neonatologia dell’ospedale San Giovanni di Roma: «Ero in vacanza ad Arbatax, parliamo di 25 anni fa, avevo una micosi al piede che interessava le pieghe delle ultime tre dita. Mi faceva un male cane, non camminavo più. Le avevo provate davvero tutte, creme, pomate, analgesici, cortisonici, un fiasco assoluto. Allora mi dicono di questo Cilormo, di questo “specialista del fuoco”, prendo e vado. Era notte fonda, parliamo a lungo, lui mi osserva con grande scrupolo, poi bagna il piede con la saliva e fa: “Puoi guarire”. Un dottorino benpensante è uno scettico naturale. Non mi fido, faccio domande. “Ma non la bendi la ferita?, e le infezioni, e i microbi?”. Lui mi dà una risposta, in apparenza delirante, ma tecnicamente perfetta: “I microbi di qua non sono cattivi come quelli del tuo ospedale, non te la copro la ferita”. Torno a casa, il dolore è insostenibile, smadonno, la mattina mi sveglio e la ferita non c’è più, ero guarito».