Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 11 Lunedì calendario

• Acireale (Catania) 22 febbraio 1952. Attore. Nel 2008 visto a teatro in Sotto paga! Non si paga! di Dario Fo; nel 2011-2012 in Se devi dire una bugia dilla ancora più grossa di Gianluca Guidi. In tv noto come l’Uelino de Il giudice Mastrangelo, il Diego Lopez di Boris e il Renato di Benvenuti a tavola. Tra i suoi film: Kamikazen Ultima notte a Milano (1987), Mediterraneo (1991), Puerto Escondido (1992), Sud (1993), Nirvana (1997), tutti di Gabriele Salvatores. «Sono sempre stato uno a sottrarre, in teatro e al cabaret devi amplificare. Al cinema mi trovo meglio».
• «Un attore di cui qualcuno magari non ricorda il nome, ma difficilmente dimentica l’espressione e la voce. All’università scelse Medicina, poi un giorno un amico gli chiese di aiutarlo a preparare l’esame per l’ammissione alla Scuola Paolo Grassi. “Mi venne voglia anche a me. Fino a quel giorno ero andato a teatro solo due volte”. Al saggio di canto lo vide Gabriele Salvatores che gli propose di unirsi al Teatro dell’Elfo. Con lui c’erano Paolo Rossi, Claudio Bisio, Gigio Alberti, Bebo Storti. “Facevamo spettacoli funambolici, bellissimi”» (Stefania Ulivi).
• Antonio Dipollina (commentando la seconda serie della fiction Il giudice Mastrangelo): «Certi duetti tra Diego Abatantuono e Catania valgono la faticosa visione di tutto il resto e sono tra i pochissimi esempi eredi di certe gag della commedia all’italiana di una volta».