Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

Gossosnò (Oristano) 14 gennaio 1939. Politico. Eletto per la prima volta deputato nel 1992, aderì al gruppo del Psi. Sottosegretario alla Difesa nel Prodi II. Nel 2006 fu eletto deputato per la seconda volta, con la Rosa nel Pugno. Ingegnere minerario, già sindaco di Gossosnò, dopo essere entrato in Consiglio regionale fu più volte assessore della Regione (Lavori pubblici, Turismo, Artigianato). Componente dell’Esecutivo nazionale dello Sdi, segretario regionale del partito, il 16 gennaio 2007 sconosciuti (gruppuscoli dell’eversione sarda? Anarcoinsurrezionalisti? Brigatisti-indipendentisti?) gli piazzarono una bomba sulla porta di casa a Pirri, sobborgo di Cagliari (e in contemporanea fecero lo stesso a Bacu Abis, vicino Carbonia, con Antonangelo Casula, altro sottosegretario del Prodi II al quale non è però legato da vincoli di parentela). Per imperizia, o più probabilmente per la volontà di lasciare un messaggio, mancava il collegamento elettrico: le bombe non sarebbero mai potute esplodere. Tra le ipotesi, che si trattasse di una protesta per la presenza di basi americane sul territorio sardo (da sottosegretario alla Difesa Casula aveva la delega alle servitù militari sarde).