Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

• Carbonia (Carbonia-Iglesias) 16 giugno 1958. Politico. Sottosegretario al ministero dell’Economia e delle Finanze nel Prodi II, ha militato come dirigente nel Pci, nel Pds e nei Ds. È stato sindaco di Carbonia, ma non ha mai avuto ruoli politici di primo piano. Il 16 gennaio 2007 sconosciuti (gruppuscoli dell’eversione sarda? Anarcoinsurrezionalisti? Brigatisti-indipendentisti?) gli piazzarono una bomba sulla porta di casa a Bacu Abis, vicino Carbonia (e in contemporanea fecero lo stesso, nel sobborgo cagliaritano di Pirri, con Emidio Casula, altro sottosegretario del Prodi II al quale non è però legato da vincoli di parentela). Si trattò di un messaggio (o di imperizia), visto che nelle sveglie piene di materiale esplosivo recapitate ai due sottosegretari mancava il collegamento elettrico per farle esplodere.
• A proposito delle accuse mosse al generale Speciale,, di essersi appropriato di denaro prelevato da fondi riservati: «Effettivamente il generale ha attinto ai fondi riservati in dotazione alla Guardia di Finanza, ma senza che se ne possa accertare l’ammontare visto che il prelievo poteva avvenire con una “semplice quietanza rilasciata dal Comandante generale”, senza ulteriori precisazioni dal momento che si trattava di fondi per i quali era richiesta “la più assoluta riservatezza”».