Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

(Francesco) Lecco 28 ottobre 1936. Attore. Celebre Renzo Tramaglino de I promessi sposi diretti da Sandro Bolchi (1967).
• Famoso anche per lo spot di un olio di semi che lo immortalava mentre saltava una staccionata: «Ho saltato uno steccato perché avevo fame, volevo correre ai cestini, al pranzo. Il regista Giuliano Montaldo mi ha visto e me l’ha fatto girare. D’altra parte ero un buon ginnasta».
• Da ultimo visto nella miniserie tv L’amore non basta (quasi mai…) (2011), nella fiction Due mamme di troppo (2010) e nel thriller di Franco Salvia del 2010 Il sottile fascino del peccato. In teatro con Era mia (La figlia di Iorio e la Duse) diretto da Maurizio Faraoni (2008) e il recital L’estate è già altrove di Francesco Puccio (2011).
• Ha avuto un figlio a 55 anni, Lorenzo, che vive con la madre, sua ex compagna. «Il sesso è stato il più grande condizionamento della mia vita. Mio figlio l’ho concepito solo per un fatto di sesso, sua madre mi ha preso per il sesso» (ad Alessandro Dell’Orto).
• La popolarità raggiunta con I Promessi Sposi fu enorme: «Una volta venni svegliato al telefono da una voce che diceva di chiamare per conto del Papa. Riattaccai con una parolaccia, pensando a uno scherzo. Richiamarono: Paolo VI voleva incontrarmi. Non avevo un segretario e feci passare per tale un mio amico camiciaio. Al cospetto di Sua Santità non capii più nulla. Tanto che, quando il Papa mi augurò una vita bella e santa “come quella di Renzo”, io risposi: “Anche a lei!”» [Cds 11/6/2010].
• A causa di una terapia sbagliata nella cura di un glaucoma è diventato quasi cieco. «Anche se interpreto piccole parti, il cinema mi fa andare avanti, mi dà entusiasmo e voglia di lottare. Ma non è facile. Sul set rischio di inciampare, ci sono molti problemi» (ad Alessandro Dell’Orto).