Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  settembre 25 Martedì calendario

• Lugagnano Val d’Arda (Piacenza) 1945. Generale. Dal 14 settembre 2007 al 17 settembre 2009 è stato Capo di stato maggiore dell’Esercito su proposta dell’allora ministro della Difesa Arturo Parisi (sgradito ai ministri Massimo D’Alema e Paolo Ferrero).
• Laurea e master in Scienze strategiche, «ha lavorato in Germania ed è stato addetto militare negli Stati Uniti. Dall’estate del 2005 è capo del Comando operativo interforze (Coi), l’ufficio che controlla le missioni estere. Nell’agosto del 2006 organizzò la spedizione militare in Libano, denominata Unifil-2. Ma quando il ministro della Difesa Parisi decise di inviarlo al Palazzo di Vetro a New York, proprio per tenere sotto controllo le operazioni al confine con Israele, il segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan si oppose. Non perdonava a Castagnetti di aver espresso critiche sulla conduzione delle missioni di pace da parte dell’Onu» (Cds).
• Sposato, due figli.
• Grande appassionato di pentathlon militare.