Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 12 Martedì calendario

• San Giorgio su Legnano (Milano) 14 maggio 1963. Costituzionalista. Vicepresidente della Corte costituzionale dal novembre 2014 (membro della stessa Corte dal settembre 2011, su nomina di Giorgio Napolitano).
• «Giurista vicina alle posizioni di Comunione e liberazione» (Claudio Tito).
• Insegna Diritto Costituzionale all’Università Milano-Bicocca, ha insegnato in numerosi atenei, in Italia e all’estero. Dal 2003 al 2006 è stata componente aggiunto del Network of Indipendent Experts on fundamental Rights, della Commissione europea; dal 2008 al 2010 è stata Esperto italiano di Fralex, agenzia dei diritti fondamentali dell’Unione Europea a Vienna.
• Laureata in Giurisprudenza all’Università di Milano nel 1987, nel 1993 ha conseguito il PhD in Legge all’Istituto Universitario Europeo di Fiesole. Specializzatasi all’Università di Aix-en-Provence sui temi della giustizia costituzionale.
• Nel dicembre 2014 è stata indicata come possibile candidata gradita a Napolitano per la successione al Quirinale. «La giovane giurista, allieva di Valerio Onida, dell’ala di sinistra del mondo cattolico, è sconosciuta ai più, inesperta negli affari interni e senza un curriculum particolare. Però, potrebbe corrispondere al target Renzi, che da tempo spinge per una donna al Quirinale. Ora che il ministro della Difesa Roberta Pinotti sembra bruciata per la storia del volo di Stato (anche con un’archiviazione rimarrebbe una scia di imbarazzo), la Cartabia potrebbe entrare in gara. E attirare i voti del M5S» (Anna Maria Greco) [Grn 10/12/2014].
• Tra i suoi libri: Le fonti europee e il diritto italiano, con Marilena Gennusa (Giappichelli, 2011) e L’Italia in Europa, con Joseph H. Weiler (Il Mulino, 2000).