Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

• Martina Franca (Taranto) 25 marzo 1973. Scrittore. Esordio con Il suggeritore (Longanesi, 2009), vinse subito il premio Bancarella. Scrive per il Corriere della Sera. Ultimo libro: L’ipotesi del male (Longanesi, 2013).
• «Ex avvocato, laureato con una tesi su Luigi Chiatti (il “mostro di Foligno”) e sceneggiatore di serie tv di successo (Nassiriya, Casa Famiglia) (...) Il suo thriller d’esordio, Il suggeritore (...) è diventato un fenomeno prima ancora di andare (...) in libreria. Carrisi è (...) stato indicato dalla critica come il nuovo Faletti mentre i diritti del libro sono stati venduti in sei Paesi, avendo i caratteri tipici del best seller internazionale, compreso quello di lasciare subito la porta aperta a un sequel. Ambientato in un non luogo, ha una scrittura asciutta, un’architettura complessa e personaggi “globali” (un criminologo, Goran Gavila, e una investigatrice col fiuto speciale per le persone scomparse, Mila Vasquez) che danno la caccia a un serial killer di bambine spinto verso il male dai suggerimenti, appunto, di una voce diabolica» (Carlo Annese) [Gds 15/1/2009].
• «Quando scrivo ascolto spesso musica. Di solito racconto la scena che devo scrivere a Vito Lo Re, un amico e un grande compositore, lui prepara il brano, seleziona il suono che può andare bene per la situazione con la quale devo confrontarmi. Ho bisogno dell’atmosfera giusta» (a Massimo Rota) [Rolling Stone 6/2013].
• «A volte mi capita di scrivere una parte particolarmente spaventosa, magari di notte. Allora chiamo un amico e gli chiedo di farmi compagnia al telefono per almeno un quarto d’ora» (a Solange Savagnone) [Sorrisi.com 14/5/2013].