Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 12 Martedì calendario

• Bari 22 febbraio 1971. Pugile. Nel 2007 battendo Alexander Gurov conquistò ai Fori imperiali il titolo europeo dei Massimi leggeri per poi perderlo al Palaeur contro il danese Johny Jensen (ko al 2° round).
• «Vive a Roma fin da piccolo. È professionista dal 1993. Prima, è stato un buon dilettante. Prima ancora, aveva sognato di diventare un ottimo calciatore» (Claudio Colombo).
• «Ha una capacità bipartisan che i referendari gli invidiano. Presenta, infatti, un match in Campidoglio con il sindaco di Roma, Walter Veltroni e, dopo le vittorie, regala i guantoni a Gianfranco Fini o abbraccia Gianni Alemanno. Combatte in scenari da cartolina: all’ombra del Colosseo o a Piazza di Siena. E le serate dei suoi match sembrano la notte dei Telegatti piuttosto che una riunione a suon di cazzotti» (Roberto Stracca).
• Nel 2007 prima fu deferito dalla Federpugilato per aver dichiarato che ormai sul ring buttano dentro «ex criminali e zingari», poi si laureò in Scienze Politiche con la tesi Lo sport nella società (110).
• Nel 2008 ha partecipato a Uomo e gentiluomo, programma in sette puntate condotto su RaiUno da Milly Carlucci.
• Nel maggio 2008 gli bastò farsi riconoscere per mettere in fuga due rapinatori che entrati nella concessionaria d’auto gestita dal cognato nei pressi di Ponte Milvio gli volevano rubare il Rolex.
• Ospite fisso a Questa domenica su Canale 5 nel 2009
• Ha per manager la moglie Francesca Minardi (Roma 21 dicembre 1974), che nel 2005 si candidò alle regionali in lista con Alleanza nazionale, poi impegnata con Alleanza federalista. Polemiche la volta che le telecamere la beccarono mentre diceva al marito “ammazzalo”: «Mica volevo che uccidesse Gurov sul serio, nella boxe si dice così: mi sono ispirata al pubblico della leggendaria sfida Alì-Foreman, quando la folla urlava “Alì bomaye”. Che significa ammazzalo. Ma alla fine sono stata la prima ad andare da Gurov per assicurarmi che fosse vivo e vegeto». Hanno due figlie, Giulia e Claudia con uno splendido gatto persiano e un simpatico bull dog.
Vivono a Roma «in una casa immersa nel verde, ordinata, luminosa e profumata di cucina tradizionale».