Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 12 Martedì calendario

(Giuseppe) Foggia 15 ottobre 1955. Comico.
• Inizi a metà anni Ottanta, «alla fucina teatrale “Al Fellini” di Roma, sotto il maestro Marcello Casco. Nel 1990 è arrivata anche la tv. E con chi si può iniziare in tv, se non con Pippo Baudo? Il conduttore notò Campagna sul palco de “Al Fellini” e lo volle nel suo programma in onda su Raiuno, Gran Premio. Poi il resto: Sereno Variabile (Raidue), nel 1992, La sai l’ultima? (Canale 5) nel 1993 e di nuovo (dopo un sacco di comparsate nei programmi Mediaset) nel 1999/2000. Allora faceva la parodia di un carabiniere, assieme a Franco Guzzo. Ma è nel 2003, dal palco di Zelig Circus (Italiauno) che Campagna si “connette” davvero. Nasce il Papy ultras che parla con i figli con slogan da stadio. E inizia il tormentone: “Papy ci sei, ce la fai, sei connesso?”»  (Libero). Dal tormentone è nato un libro con lo stesso titolo per Kowalski Editore. Nel 2010 è uscito il dvd Non solo Papy ultras, seguito dal cd Welcome to Puglia e, nel 2011, da Supercampagna con dieci brani popolari su arrangiamenti di Dino Ceglie. Visto anche in teatro con Si è rotta la pleistescion (2011) scritto insieme a Marco Del Conte.
• «Non è che tutto a un tratto il comico è diventato serio? “In effetti qualcuno mi ha già definito una sorta di Beppe Grillo che si scaglia contro il bitume adolescenziale, ma sono solo argomenti che mi stanno a cuore» (Colombo Severino) [Cds 19/8/2010].
• Prima di esplodere in tv ha lavorato in fabbrica: «Posso dire che il successo l’ho strappato con i denti. Me lo sono preso lavorando sodo, soffrendo con la tenacia, l’impegno e la fame sportiva di un calciatore che vuole affermarsi in campo».
• Sposato con due figli, Marco e Raffaella.