Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

• Crotone 15 novembre 1960. Cantante. Autore. Primo album nel 2002 (Dalla pace del mare lontano), 3° al Festival di Sanremo2003, nel quale vinse il premio della critica (con Tutto quello che un uomo). Ha accompagnato Cristicchi al Festival 2007 e ha gareggiato al Festival 2008 con L’amore non si spiega, giunto settimo. «Ho lasciato Crotone che avevo 18 anni, ho fatto il barista, sono sopravvissuto mangiando alla mensa universitaria, non è stato facile fare musica, ma non mi è mai venuta voglia di mollare».
• «Sono figlio di contadini, cugino di secondo grado di Rino Gaetano, pianista autodidatta. Ho cominciato a picchiare sui tasti a sette anni, semplicemente codificando geometrie armoniche nella mia mente. Appena diplomato, lasciai Crotone per Firenze. Per me era il centro del mondo. Lì aprii il Bogart. Facevo il barista e suonavo. E per ritardare il più possibile il servizio militare facevo un esame all’anno. Poi l’incontro decisivo con Roberto Kunstler. In una magica notte del 6 gennaio 1992 scrivemmo di getto sei canzoni. Ci sono voluti undici anni per chiudere il cerchio. Occasione dopo occasione».
• «Sa mescolare bene le carte che conosce meglio, il jazz, la canzone, ma soprattutto ha una straordinaria capacità nel proporre la sua musica dal vivo, frutto di una lunga gavetta fatta di centinaia di concerti in tutta Italia» (Ernesto Assante).
• «Nella sua musica è essenziale la tradizione della canzone genovese» (Matteo Speroni).
• Successo con Cantautore piccolino, titolo anche del suo tour 2008 nei teatri italiani, e con l’album Il pane, il vino e la visione.
• Nel 2009 è la sua voce ad aprire il film di animazione Disney, La principessa e il ranocchio con il brano La vita a New Orleans e nello stesso anno collabora come consulente musicale per l’Opera moderna I Promessi Sposi: «Sergio Cammariere al pianoforte nel proscenio, come solista d’eccezione» (Lorenzo Franculli) [Oggi 29/6/2010]. Nel giugno 2010 firma, insieme al trombettista Fabrizio Bosso, il commento sonoro per tre comiche di Charlie Chaplin. Nel 2012 esce Sergio Cammariere, che racchiude quasi una sintesi, un ritratto in musica di tutte le anime di Sergio, spaziando dal jazz alla bossa nova, dal samba a ritmi balcanici, da incursioni classiche alla musica world e progressive (sergiocammariere.com).
• «Sergio Cammariere è per me un fratello acquisito, per mio padre un quinto figlio» (Gianmarco Tognazzi) [Novella 2000 15/01/2009].
• Sul suo sito si legge: «Sergio Cammariere è un artista e compositore completo, più volte vincitore di dischi d’oro e di platino, sempre sorprendente, carico di umanità, capace ancora di commuoversi. Una figura elegante, composta, quasi d’altri tempi, un‘anima creativa e in continua evoluzione e ricerca, destinata a lasciare un segno sui binari della grande musica d’autore». [sergiocammariere.com].