Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

• Pietrasanta (Lucca) 17 febbraio 1964. Politico. Sindaco di Forte dei Marmi (dal 2007).
• Ex ufficiale degli Alpini, cattolico praticante, barelliere a Lourdes e revisore dei conti nei Ds nazionali, «scandalizzando il partito, propose di realizzare squadre di vigilanti contro l’invasione dei venditori ambulanti sulle spiagge versiliesi. Il tempo gli ha dato ragione e alle elezioni ha sbaragliato il centrodestra» (Marco Gasperetti).
• Nell’estate 2008 la battaglia contro i decibel dei tagliaerba a motore con l’ordinanza “Nessun stia sveglio”: «Rumore vietato, si torni al rastrello». Nel 2011 ha imposto in centro e sul lungomare il divieto di aprire qualsiasi locale che non proponesse la cucina tradizionale italiana.

• «Umberto Buratti ha voce e sorriso dell’uomo che si diverte, sempre e comunque. A Forte dei Marmi lo hanno sempre considerato uno scapolo d’oro che si divideva tra la gestione dei bagni Impero e le vacanze all’estero. La sua vocazione era perfetta per un posto che vive di turismo, e così appena si è fermato, lo hanno eletto presidente della potente Associazione dei balneari e subito dopo sindaco. Il primo di centrosinistra da quando c’è l’attuale legge elettorale, in un Comune che da sempre tende al centrodestra. Da quel giorno, il primo cittadino con il ciuffo ben curato e l’aria da bon vivant non ha mai mancato l’appuntamento con la baruffa a sinistra sulla questione degli ambulanti» (Marco Imarisio) [Cds 26/7/2013].