Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 12 Martedì calendario

• Grotteria (Reggio Calabria) 13 luglio 1949. Presunto ’ndranghetista. Detenuto. Arrestato a Toronto (Canada), il 4 settembre 2013 (in quanto immigrato irregolare, ma subito estradato in Italia per essere sottoposto a custodia cautelare in carcere per associazione mafiosa – operazione “Crimine”, vedi anche Giuseppe Commisso). Ritenuto a capo del locale di Grotteria, secondo gli investigatori aveva il compito di viaggiare tra Italia e Canada, nel ruolo di vettore di notizie tra il gruppo italiano e quello canadese (relazione Dna 2013). Secondo intercettazioni eseguite nel 2008 aveva l’autorità di creare ’ndrine e locali nel nord Italia. Mentre era latitante la polizia lo cercò invano a casa, ma scoprì, al piano inferiore, un nascondiglio – bunker al quale si accedeva mediante un sofisticato dispositivo elettro – meccanico che permetteva lo spostamento di una porzione di muro. (a cura di Paola Bellone).