Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

• San Donà di Piave (Venezia) 16 marzo 1943. Arcivescovo di Camerino-San Severino Marche (dal 2007).
• «Militante dell’Azione cattolica, scuola morotea (“mi ispiravo ad Aldo Moro, Luigi Gui e Benigno Zaccagnini”), una candidatura accettata su sollecitazione dell’allora vescovo di Padova Girolamo Bortignon, alla fine degli anni ’70 l’assessore Brugnaro è un politico diligente. È suo il primo piano organico di restauro dei monumenti di una città italiana. Ma è sempre riservato, sfugge con gentilezza alle interviste, non sgomita come chi dalla provincia vuole fare il grande salto verso la politica che conta, quella che si vede nei tiggì. “C’era chi glielo faceva notare – ricorda Settimo Gottardo, compagno di giunta, poi sindaco di Padova – ma si capiva che lui pensava ad altro”. Brugnaro entra in seminario nel 1980, a 37 anni: vocazione tardiva, forse semplicemente meditata» (Lorenzo Salvia).