Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

• Cuggiono (Milano) 12 febbraio 1950. Cantante. Autore. Arrivò al successo nel 1975 con l’album La luna, bissato l’anno dopo con Alla fiera dell’est, cui seguirono La pulce d’acqua (1977) e Cogli la prima mela (1979). Sua caratteristica l’unione di atmosfere della musica rinascimentale con delicate ritmiche rock, cui aggiunge l’aria di moderno menestrello.
• «Minculpopolarizzato dopo Cogli la prima mela, il Napo Orso Capo della musica popolare italiana non si è volatilizzato dopo Alla fiera dell’est. Questo musicista di un’Italia che non insegue le classifiche ha seminato la sua musica in tutta Europa sorvolando come un nibbio le cime del marketing e anno dopo anno ha continuato a raccogliere consensi. E oggi può permettersi di dire: “Il Festival di Sanremo è contrario alla mia filosofia. Rappresenta, infatti, il massimo sforzo con il minimo risultato. Gli artisti si fanno un mazzo così per non vendere”» (Luca Dondoni).
• Per anni ha affrontato, in album e in concerto, la musica del passato nella collana intitolata «Futuro antico»: «Sono partito una decina di anni fa dalle musiche più note del periodo 1000-1300. Poi, dopo un album dedicato alla musica popolare del ’400 e uno dedicato alle musiche che si rappresentavano alla corte dei Gonzaga, eccomi ad affrontare il carnevale di Venezia con brani scelti prevalentemente nel periodo rinascimentale». Nel 2011 l’ultima uscita con l’album Così è se mi pare a cui hanno collaborato Maurizio Fabrizio, Walter Tortoreto e la moglie Luisa Zappa Bran­duardi. Per la stessa collana pubblicò nel 2009 Musica della Serenissima e Il carnevale romano.
• Nel 2000 la collaborazione con Caparezza nel singolo La fitta sassaiola dell’ingiuria, nel 2009 con Baglioni per il brano Io ti prendo come mia sposa (Branduardi lo accompagna con il violino) e nel 2011 con Giorgio Faletti (autore del testo) per la versione digitale del brano Rataplan, contenuta nell’album Camminando Camminando 2 (2012). Ultimo album pubblicato: Il rovo e la rosa – Ballate d’amore e morte (2013).
• A proposito dei talent show ha detto: «Più li guardo e più penso che quasi quarant’anni fa Canzone intelligente di Ponzoni, Pozzetto e Jannacci nella fra­se “per far successo con la gente / si prende un filo logico importante / la casa discografia adiacente / veste il cantante come un deficiente / lo lan­cia sul mercato sottostante” offrisse u­na fotografia perfettamente a fuoco di quel che accade oggi» (a Massimo Gatto) [Avv 17/3/2011].
• Dalla moglie Luisa Zappa ha avuto due figlie: Sarah e Maddalena.