Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 19 Martedì calendario

• Genova 10 giugno 1934. Ex carabiniere (generale in pensione).
• «Dei tanti carabinieri ai quali venne rifilata l’etichetta di “braccio destro” del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa ai tempi dei reparti speciali antiterrorismo, lui in fondo è l’unico ad aver chiuso la sua vicenda nell’Arma – era il 1997 – senza alcuna macchia (...) A dirigere la perquisizione nell’appartamento in via Monte Nevoso a Milano c’è lui. Anni dopo in quella casa vennero ritrovate dietro ad un tramezzo le lettere di Aldo Moro, facendo fiorire un altro rebus. “È stato un nostro errore. Fummo costretti ad interrompere l’ispezione da un rapporto disciplinare del comando di Milano, che censurava l’operato del gruppo Dalla Chiesa. Il generale ci disse di ritirarci, e i magistrati ci accordarono il permesso di farlo soltanto quando gli assicurammo che la perquisizione era finita. Non era vero, avevamo bisogno di altro tempo”» (Marco Imarisio).
• Nel 2006 Michele Ruggiero gli dedicò il libro Nei secoli fedele allo Stato (Frilli).