Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 19 Martedì calendario

• Longare (Vicenza) 2 aprile 1959. Ex maratoneta. Formazione nel Csi (Centro sportivo italiano, la più antica associazione polisportiva attiva in Italia). Campione d’Europa nell’86 e nel 1990, primo italiano a conquistare la medaglia d’oro nella maratona alle Olimpiadi (Seul 1988): «Ricordo bene il passaggio al 38° km: io, il keniano Wakiihuri e il gibutiano Saleh guidavamo la corsa e proprio mentre stavo pensando a come poter impostare la volata, loro due mi hanno staccato. Lì sono crollate tutte le mie speranze e i 500 metri successivi sono stati durissimi. Ma non ho mollato. Al 40° chilometro ho ripreso Wakiihuri e poco dopo ho superato Saleh. Ecco, quando mi sono trovato al comando da solo, per 3-400 metri ho provato un pizzico di panico, perché guidare una maratona olimpica non è qualcosa a cui si possa essere preparati... Ma poi, quando sono entrato nello stadio e ho fatto quel giro di pista da solo, beh, non ci sono parole per spiegare l’emozione che ho provato. Spero che le donne che ho avuto non si arrabbino se dico che è stato il momento più bello della mia vita».
• «Papà e mamma sono contadini, abitiamo in campagna, cascina, animali, natura. Per andare a scuola, alle elementari, devo camminare per 3 km, mi abituo subito alle distanze. Il mio sport preferito è il calcio, faccio il portiere e divento tifoso del Milan. Finché un giorno, in terza media, dimentichiamo il cambio nell’ora di ginnastica e il professore, per penitenza, ci fa correre con i jeans, quattro giri del campo da calcio, circa 1 km e 600 metri. Stacco tutti» (ad Alessandro Dell’Orto) [Libero 27/7/2008]
• Ora è direttore marketing della Diadora.
• Sposato con Lara, non ha figli.