Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Firenze 28 ottobre 1955. Magistrato (dal 1980). Sostituto procuratore della Repubblica di Firenze. Si è occupato di disastri naturali, “Nuove Brigate Rosse”, attentati di matrice anarchica, attività di proselitismo dei fondamentalisti islamici in Italia ecc. Protagonista dell’inchiesta sul doping nel ciclismo che iniziò con le perquisizioni al Giro d’Italia del 2001 (tappa di Sanremo), ha ammesso l’esistenza giuridica della sudditanza psicologica nel calcio: «Aprì un fascicolo, aperto come atto dovuto, come precisò, dopo la partita Empoli-Juventus. Quella gara del 19 aprile 1998 venne vinta dai bianconeri per 1-0 ma un gol (sarebbe stato il pareggio) dell’attaccante toscano Bianconi venne ignorato dall’arbitro Rodomonti. Tutto in piena era Calciopoli» (Il Messaggero).
• Dopo 8 anni di indagini, archiviò il procedimento: «L’arbitro è colposamente – non colpevolmente – portato a interpretare in un certo modo, a sposare ciò che è più probabile. Un fatto automatico, indipendente dalla volontà».