Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• (Bocciolini) Marsciano (Perugia) 4 agosto 1978. Attore. Noto come il vicequestore Domenico Calcaterra di Squadra antimafia. È stato anche il commissario Scialoja in Romanzo criminale – La serie, poi Atelier Fontana – Le sorelle della moda, K2 – La montagna degli italiani, Le mille e una notte – Aladino e Sherazade, ecc. Al cinema visto ne I cavalieri che fecero l’impresa (Avati, 2001), La bella società (Cugno, 2009), C’è chi dice no (Avellino, 2011), Scusate se esisto! (Milani, 2014), Italo (Alessia Scarso, 2015).
• «“Per me tutto è partito con il teatro, ma quello più amatoriale, di piazza. Avevo 17 anni ed era una passione ma poi ho capito che mi piaceva tanto”. E così, quando 21enne si è accorto che studiava più per quel suo passatempo che sui libri di Architettura, Bocci ha tentato il salto che lo spaventava: “Trasformare l’hobby in professione. Ho fondato un’associazione culturale. Eravamo una decina di persone e andavamo in scena nelle feste paesane. Loro lo fanno ancora”. E lui, appena può, torna a vederli. Il teatro per i primi sette anni della carriera di Bocci ha impegnato le sue energie: “Poi la strada ha preso altri canali. Fino a 3 anni fa ero riuscito a conservarmi uno spazio per salire sul palco”. Ma poi gli impegni con la tv e il cinema hanno preso il sopravvento. (…) “Ho avuto fortuna: ho fatto progetti apprezzati, da Romanzo criminale a Squadra antimafia: il grande pubblico è arrivato da lì”» (C. Maf.) [Cds 12/8/2014].
• «C’ha gli occhi grigio perla. È tutto più facile avendo degli occhi come i suoi» (il collega Andrea Sartoretti ad Azzurra della Penna).
• Dimentica i nomi delle ricette: «Dopo un po’ che non lo mangio, mi dimentico se un piatto mi piace. Per anni ordinavo la pasta coi ricci al ristorante, ma ogni volta scoprivo che non mi piaceva». Gli capita la stessa cosa con i film: «Tornavo anche tre volte a casa con lo stesso dvd, perché mi ero dimenticato di averlo già visto» (Marina Cappa) [Vty 2/3/2011].
• Sposato con l’attrice Laura Chiatti. Le nozze il 5 luglio 2014 nell’abbazia di San Pietro a Perugia. Il 22 gennaio 2015 è nato il loro primo figlio, Enea. In precedenza una storia con la cantante Emma Marrone.