Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Macerata 20 luglio 1963. Compositore. «Compositore, direttore d’orchestra, percussionista, pianista, fine conoscitore di tutti i generi musicali immaginabili, direttore artistico della vivacissima rassegna milanese “Sentieri selvaggi”» (Enrico Girardi).
• «Ho scritto pezzi prossimi alla musica classica, ma ho usato anche strumenti jazz, sonorità funky. Nel mio pezzo d’esordio, 1990, ho mischiato Schubert e Cole Porter. Mi interessa ogni linguaggio. Amo rubare idee e trasformarle in mie. Mi regalarono il primo disco di musica classica, la Quinta di Beethoven, quando già avevo 700 dischi di rock e jazz. Ho deciso di studiare musica classica dopo avere sbattuto la testa su una lastra di ghiaccio, facendo pattinaggio. Il mio gruppo preferito era l’Equipe 84, poi la vivissima stagione milanese degli anni Settanta, con gli Area, Demetrio Stratos, Alberto Camerini, gli Skiantos. Demetrio mi ha toccato profondamente. Credo fossimo in dieci, al Conservatorio, ad ascoltarlo. Basta pensare che in quel periodo uno studente fu cacciato perché suonava Gershwin, un autore giudicato troppo commerciale. Io dal Conservatorio sono scappato, dopo sette anni!».